CIRCOLARE N. 8/E DEL 7 APRILE 2017 : BONUS MOBILI, RISTRUTTURAZIONI ED ECOBONUS - Studio Cantori
15724
post-template-default,single,single-post,postid-15724,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

CIRCOLARE N. 8/E DEL 7 APRILE 2017 : BONUS MOBILI, RISTRUTTURAZIONI ED ECOBONUS

 

La circolare n. 8/E del 7 aprile 2017 dell’Agenzia delle Entrate elargisce delucidazioni in merito ai Bonus Mobili, Ristrutturazioni ed Ecobonus. Parliamo, quindi, delle novità inerenti gli Ecobonus, bonus ristrutturazioni ed Ecobonus finalizzati agli interventi per migliorare l’efficienza energetica.

Le novità si focalizzano sulle modalità di pagamento tramite  bonifico  e l’introduzione delle coppie di fatto riconosciute come famiglia.

Nel caso in cui il bonifico sia compilato in modo tale da non consentire alle banche e a Poste italiane di adempiere correttamente all’obbligo di ritenuta, il beneficiario dell’accredito deve attestare, in una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, di aver ricevuto le somme e di averle incluse nella contabilità dell’impresa ai fini della loro concorrenza alla corretta determinazione del suo reddito. Le modalità di fruizione del beneficio prevedono in via ordinaria l’ effettuazione del pagamento mediante bonifico specifico (cosiddetto bonifico “parlante”), e stabilisce delucidazioni nel caso in cui vi sia stata, per errore, un’anomalia riguardante la compilazione del bonifico, dichiarando che questo non implica la decadenza dal beneficio fiscale ma solo se  l’impresa attesta, con una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, che i corrispettivi accreditati in suo favore sono stati inclusi nella contabilità ai fini della loro concorrenza alla corretta determinazione del reddito d’impresa.

La legge  estende alcuni diritti spettanti ai coniugi anche ai conviventi di fatto, riconosce, infatti, la possibilità di fruire della detrazione per le spese di recupero del patrimonio edilizio sostenute dal convivente ancorché non possessore o non detentore dell’immobile sul quale vengono effettuati i lavori, alla stregua di quanto previsto per i familiari conviventi.

Per maggiori informazioni contattateci.

Studio Cantori

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.