PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014–2020 - Studio Cantori
15870
post-template-default,single,single-post,postid-15870,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014–2020

La sottomisura si pone l’obiettivo di sostenere azioni volte a sviluppare o migliorare la capacità di accoglienza turistica da parte delle aziende agricole multifunzionali consentendo loro sia di accrescere le proprie potenzialità economiche sia, contestualmente, di sostenere lo sviluppo economico e sociale delle aree in cui le stesse aziende sono localizzate. In particolare attraverso gli investimenti nel settore dell’agriturismo si intende sviluppare, accrescere e consolidare l’offerta dei “saperi” che il mondo rurale è in grado di proporre quali ad esempio la cultura enogastronomica regionale soprattutto attraverso le produzione di qualità, le bellezze ambientali del territorio, il patrimonio storico ed architettonico locale. A tal fine le finalità che si intendono perseguire sono: – la qualificazione dell’accoglienza turistica attraverso un miglioramento della qualità dei servizi da parte delle aziende agrituristiche; – l’introduzione di servizi innovativi attraverso lo sviluppo delle attività complementari, didattiche, ricreative e sportive volte ad ottenere un aumento del numero degli ospiti e la loro permanenza.

La presente sottomisura si applica sull’intero territorio della Regione Marche, nel rispetto della condizione che alle aree non rurali (Aree A)6 che rappresentano il 15,9% della popolazione può essere destinato al massimo il 10% delle risorse.

5.1.1 Requisiti del soggetto richiedente La domanda di aiuto, ai sensi del presente bando, può essere presentata da Imprenditori Agricoli, così come individuati dall’articolo 2135 del codice civile, in possesso dell’iscrizione all’Elenco Regionale degli Operatori Agrituristici come stabilito dall’articolo 12 della Legge Regionale n. 21/2011, così come risultante dal sistema informativo regionale (SIAR). 5.1.2 Requisiti dell’impresa L’impresa al momento della presentazione della domanda deve: 1) non essere inclusa tra le imprese in difficoltà (cfr. Definizioni); 2) essere iscritta all’anagrafe delle aziende agricole con posizione debitamente validata (Fascicolo Aziendale); 3) avere Partita Iva con codice attività agricola; 4) essere iscritta alla Camera di Commercio con codice ATECO agricolo. In caso di più sedi, almeno una unità locale deve ricadere nelle Marche. In ogni caso gli investimenti dovranno essere realizzati sul territorio della Regione Marche e la superficie aziendale ricadente nel territorio regionale dovrà da sola garantire il rispetto dei requisiti di ammissibilità; 5) essere titolare di conto corrente bancario dedicato in via esclusiva alla gestione dei movimenti finanziari relativi alle misure del PSR (ai sensi del Reg. UE 1305/2013 articolo 66 lettera C punto i) intestato al beneficiario; (cfr. Definizioni); 6) avere la disponibilità del fabbricato o dei fabbricati e delle superfici agricole sulle quali si intende realizzare l’investimento a decorrere dalla data di presentazione della domanda di sostegno e fino a completo adempimento degli impegni assunti con l’adesione alla presente Sottomisura (vincolo di non alienazione). La disponibilità deve risultare a pena di inammissibilità da: a) titolo di proprietà; b) titolo di usufrutto; c) contratto di affitto scritto e registrato al momento della domanda; d) un atto di conferimento ad una società agricola o cooperativa di conduzione; e) comodato, solo per Enti Pubblici, stipulato in forma scritta, registrato e con scadenza per il tempo necessario all’adempimento degli impegni previsti dal bando Non verranno prese in considerazione altre forme di possesso al di fuori di quelle sopramenzionate. Nel caso di proprietà indivisa il titolo di possesso è provato da un contratto di affitto pro quota. 9 Nel caso di investimenti su fabbricati e/o terreni condotti in affitto e/o in comodato, qualora non già previsto nel contratto, è necessario il consenso, sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio del proprietario alla realizzazione del piano di miglioramento Le informazioni aziendali saranno desunte dalle rispettive fonti di certificazione del dato, completamente aggiornate e validate in tutte le sezioni al più tardi 90 giorni prima della presentazione della domanda di sostegno, in particolare: fascicolo aziendale AGEA, elenco degli attrezzi e dei macchinari registrati a livello regionale per la richiesta di carburante agricolo agevolato (ex UMA), anagrafe zootecnica e registri di stalla. Per le informazioni non desumibili in modalità automatica dai corrispondenti sistemi informativi che certificano il dato, il richiedente o l’eventuale soggetto da questi delegato per la presentazione della domanda, garantisce la corrispondenza tra quanto dichiarato in domanda e il dato memorizzato a quella data nella fonte ufficiale.

 

STUDIO CANTORI

Tags:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.