ELENCHI CASE ALL'ASTA - Studio Cantori
16027
post-template-default,single,single-post,postid-16027,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

ELENCHI CASE ALL’ASTA

Il Tribunale competente pubblica periodicamente, sui principali quotidiani locali, gli annunci d’asta, attraverso un’ordinanza di vendita che riassume tutti i dati degli immobili, compreso il prezzo di partenza. Le aste possono essere “senza incanto” o “con incanto”.

Nelle aste senza incanto, per poter partecipare, è obbligatorio presentare l’offerta d’acquisto alla cancelleria del tribunale, entro il giorno feriale precedente l’asta, indicando il prezzo al quale si intente acquistare l’immobile. La modulistica necessaria si reperisce presso la cancelleria del tribunale stessa. L’offerta è a busta chiusa e vincolante, nel senso che, se si vince l’asta, non si può rinunciare all’immobile.

Qui un sito dove trovare Indirizzi di Tutti i Tribunali Italiani e Uffici Giudiziari.

Nelle aste con incanto, invece, le offerte vengono fatte a voce secondo il classico meccanismo dei rilanci, in presenza di un notaio delegato o di un giudice. Ogni rilancio, che deve avvenire entro 3 minuti da quello precedente, ha un rialzo minimo deciso dal giudice, che solitamente oscilla tra i 1000 e i 5000 euro.

Se, nelle aste senza incanto, chi propone la cifra più alta vince in modo definitivo, in quelle ad incanto è possibile “perdere” l’immobile se, nei 10 giorni successivi l’asta, qualcuno fa un rilancio superiore ad 1/6 del  suo valore. In questo caso viene indetta una nuova asta per “continuare” la trattativa.

In entrambe le tipologie d’asta, il trasferimento di proprietà vero e proprio avviane quando si versa tutto il denaro necessario; solitamente si hanno 60 giorni di tempo.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.