MANOVRA 2018, PARTE LA CACCIA AL BONUS - Studio Cantori
16192
post-template-default,single,single-post,postid-16192,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

MANOVRA 2018, PARTE LA CACCIA AL BONUS

Ristrutturazioni, ecobonus e cedolare secca: tutte le misure nella Manovra 2018

Ristrutturazioni, ecobonus e cedolare secca: tutte le misure nella Manovra 2018

Proroga dell’ecobonus: la nuova normativa contenuta nella legge di bilancio 2018 presenta novità importanti.

Nella nuova legge di Bilancio è arrivata la tanto attesa proroga dell’ecobonus, la detrazione del 65% sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Ma la nuova normativa contiene novità importanti che riguardano il bonus per il risparmio energetico.

Ecobonus 2018, ok alla proroga.

Le detrazioni del 65% sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici vengono prorogate a tutto il 2018 se si tratta di singole unità immobiliari, ma vengono resi stabili per i condomini. Il credito per interventi su singole unità immobiliari potrà essere ceduto a terzi. Per alcuni interventi che riguardano le finestre e l’installazione delle caldaie a condensazione e a biomassa, la detrazione scenderà al 50%.

Come affermato qualche settimana fa dal ministro Galletti, inoltre, i tecnici del Tesoro alle prese con la bozza del disegno di legge di stabilità, potrebbero introdurre delle percentuali diverse di detrazione a seconda degli obiettivi di efficientamento energetico effettivamente raggiunto.

Arriva poi il Fondo di garanzia per l’efficienza energetica, finanziato con 50 milioni ripartiti tra Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero Ambiente, che potrebbe mettere in moto 600 milioni di lavori in casa. Si tratta di garanzie su eventuali finanziamenti concessi dagli istituti di credito per l’esecuzione di lavori di riqualificazione energetica. Il Fondo istituito già dal 2014 era bloccato da tre anni.

La detrazione, da ripartire in 10 rate di uguale importo, è usufruibile per i seguenti interventi:
  • riqualificazione energetica di edifici esistenti
  •  interventi sull’involucro degli edifici
  • installazione di pannelli solari
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Provvedimenti successivi hanno esteso l’agevolazione ad altri interventi:
  •  acquisto e posa in opera delle schermature solari
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
  • acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda e di climatizzazione delle unità abitative.

Manovra 2018 arriva il “Bonus verde”: come funziona

Tra le novità assolute di questa manovra c’è sicuramente il bonus verde, una detrazione del 36% per un tetto massimo di cinquemila euro per gli interventi di cura di giardini e cortili, anche condominiali.

Il ministro Delrio inoltre ha annunciato una possibile proroga pluriennale delbonus ristrutturazioni, mentre nessuna informazione era stata data riguardo al bonus mobili. Nella prima bozza appare il bonus ristrutturazioni con le stesse caratteristiche del 2017, prorogato fino al 31 dicembre 2018. Nessuna notizia sulbonus mobili.

La detrazione fiscale per gli interventi di adeguamento e miglioramento antisismico, il cosidetto sismabonus 2018, si applicherà anche alle certificazioni statiche degli edifici non seguite da lavori.

Il ministro del lavoro, Padoan, ha annunciato che sarà avviata a breve lariqualificazione ambientale e sociale delle periferie.

Secondo fonti di governo, citati dall’Ansa, nella legge di Bilancio ci sarebbe la conferma della cedolare secca. L’agevolazione fiscale al 10% è stata introdotta dal Piano casa per gli affitti concordati, con la durata di un quadriennio a decorrere dal 2014 e fino al 31 dicembre 2017.

Tags:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.